Testimonianze

“Tu obra escultórica que presentas en Asís con las Semillas de la Paz tiene la fuerza convocante y permanencia en la conciencia y es un desafío encontrar caminos que lleven a la Paz y solidaridad entre las personas y los pueblos.”

 

Adolfo Pérez Esquivel

 

“Mi trovavo dinanzi un autentico costruttore di forme, un erede degli antichi costruttori di nuraghi. La pietra, la trachite, il granito, il legno sono il suo silenzioso linguaggio; la forma che egli ne trae è la sua poesia.”

 

Aligi Sassu

 

“Le pietre sonore di Pinuccio Sciola hanno il potere di suscitare in noi l’equivalente d’un evento sacro; o almeno di un evento dove il fattore simbolico s’incarna in un’opera che – prima di essere dell’uomo – è del creato.”

 

Gillo Dorfles

 

“Non facciamoci trarre in inganno dalla facilità con cui consideriamo i nostri contemporanei minori: Pinuccio Sciola non è da meno di Pablo Picasso o di Leonardo da Vinci, la Sardegna lo deve sapere, deve dare a sè stessa la chance di fare di questo artista incredibile un’eredità da tramandare. Attraverso Pinuccio Sciola fate capire la Sardegna, fate dell’arte di questo uomo una meta di confronto, una meta di incontro, una meta di pellegrinaggio.”

 

Moni Ovadia

 

Foto di Attila Kleb

“Pinuccio Sciola è uno degli scultori più grandi dei nostri tempi, una personalità tellurica andata a cercare l’anima mistica della pietra.”

Philippe Daverio

 

“Hombre, tu eres un maya que ha vivido muy lejo de aqui”

 

David Alfaro Siqueiros

 

Da sinistra Tullio d’Albisola, Foiso Fois, Aligi Sassu, Pinuccio Sciola, metà degli anni ’60

“La materia prediletta dallo Sciola è la pietra dalla quale sa ricavare i soggetti che la stessa pietra nella sua forma naturale gli suggerisce, così come dal legno rispettato nella sua natura di pianta.”

 

Foiso Fois

 

Foto di Attila Kleb

Il Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano, nel 2012, nomina Pinuccio Sciola Commendatore dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana, in considerazione della sua prestigiosa e pluriennale attività artistica anche in campo internazionale.

 

Foto di Adriano Mauri

“San Sperate è Pinuccio Sciola come lo sono tutte le pietre della Sardegna permeate dai suoni che l’artista (scultore, poeta, musicista) ricava ferendole amorevolmente nelle viscere. In una mattina luminosa mi riceve nel suo studio pieno di sculture e disegni ma anche di arpe pietrificate, grandi spighe di trachite, semi di piccoli e grandi sassi, menhir, cavalli di legno e mappe stellari di basalto. La porta della sua casa è sempre aperta e i paesani lo sanno, come sanno che, nel campo-giardino poco fuori dal paese centinaia di monoliti lavorati dialogano con profumati alberi di agrumi. Neanche quel campo ha recinti perché l’arte di Sciola è di tutti. Mi accoglie con l’affabilità di sempre e quando parla delle sue pietre ha gli occhi di un bambino.”

 

Paolo Fresu

 

“C’è un patto tra Pinuccio Sciola e le pietre di Sardegna tant’è vero che assomigliano l’uno alle altre come due gocce d’acqua. Dev’essere la ragione per cui le pietre si lasciano fare di tutto, da lui: tagliare, perforare, frammentare. Riesce persino a farle suonare.”

 

Renzo Piano

 

Acconsentendo col tasto "Accetto" o proseguendo nella navigazione all'interno del sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte del nostro sito come definito nella relativa Cookie Policy Leggi Cookie Policy completa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi